Mutui per giovani coppie: agevolazioni e condizioni favorevoli

Qui sul nostro blog abbiamo già avuto modo di parlarvi dei mutui agevolati per giovani: dei contratti pensati appositamente per facilitare l’inserimento autonomo nel mondo del lavoro in proprio o per facilitare l’acquisto di una prima casa. Un mutuo agevolato non è altro che un mutuo all’interno del quale, grazie agli aiuti stanziati dal governo, le banche richiedono tassi di interesse meno alti. Insomma, i mutui agevolati sono prodotti utili per ridurre il peso economico del prestito sulle giovani coppie e sui giovani utenti. Nella guida di oggi andremo ad analizzare tutti quelli che sono i vantaggi, le condizioni favorevoli e le caratteristiche dei mutui agevolati per giovani coppie.
Se avete letto la nostra guida sui mutui per giovani, noterete sicuramente che ci sono delle evidenti affinità tra i due prodotti, anche se uno è indirizzato al singolo utente, mentre l’altro è indirizzato alla coppia. Buona lettura!

Chi può richiedere mutui agevolati?

I mutui agevolati possono essere richiesti da chiunque rientri entro gli standard previsti dallo stato: i mutui agevolati sono pensati esattamente con lo scopo di “aiutare” determinate categorie di persone, ecco perché i requisiti per iniziare l’iter di richiesta sono molti. 

L’età minima per accedere ai mutui agevolati per giovani coppie è di 18 anni, mentre quella massima è di 36 anni (per i mutui “generici” l’età massima è di 70).

La residenza dell’utente (in questo caso degli utenti) che richiedono il mutuo agevolato per giovani coppie deve essere all’interno dello stato italiano, oppure all’interno dell’Unione Europea.
La banca sarà anche interessata a conoscere alcuni aspetti della vita dell’utente come il suo reddito annuo, il suo stipendio, le sue condizioni di salute e così via. Tutto questo, ovviamente, serve alla banca per controllare quelle che possono essere le garanzie e le sicurezze che l’utente può offrire. La banca chiederà all’utente di fornire tutta la documentazione necessaria ad attestare la veridicità delle informazioni fornite, ovviamente. 

Per accedere ad un mutuo agevolato per giovani coppie non è necessario avere un posto di lavoro a tempo indeterminato. Si tende a pensare, erroneamente, che l’utente abbia la necessità di un posto fisso a tempo indeterminato per accedere al mutuo: in realtà le banche apprezzano molto un lavoratore come quello appena descritto perché, inutile dirlo, offre una sicurezza decisamente maggiore ma, come abbiamo appena precisato, anche i lavoratori autonomi e i lavoratori a tempo determinato possono richiedere il mutuo. Ovviamente sarà necessario, come per i requisiti precedenti, fornire alla banca documentazione utile a verificare l’eventuale situazione economica (denunce dei redditi e così via).

Oltre ai giovani (con età minore di 36 anni), rientrano nella categoria che può avere accesso ai prestiti agevolati anche i genitori single e le giovani coppie al di sotto dei 35 anni di età. 

Riassumendo: l’utente con età minore di 36 anni, o la coppia con età minore di 35, possono richiedere un mutuo agevolato per giovani se possiedono una fonte di reddito verificabile, se hanno più di 18 anni e possono dimostrare un certo livello di stabilità economica tramite le dovute garanzie.

Cosa sono i mutui per giovani?

I mutui agevolati sono finanziati dallo stato e hanno lo scopo di andare ad aiutare coloro che hanno intenzione di acquistare un prima casa, di ristrutturare un immobile oppure investire in un’attività commerciale.

Partiamo dal presupposto che nessuna agevolazione è uguale ad un’altra: i mutui agevolati sono contratti finalizzati (contratti in cui si specifica dove e come verrà speso il denaro) e, come potrete sicuramente immaginare, per diversi scopi esistono contratti diversi con agevolazioni diverse. Tra le agevolazioni più diffuse, troviamo:

  • Tassi di interesse più bassi: con tan e taeg più bassi, gli utenti possono risparmiare sul saldo del contratto, ottenendo rate più facili da gestire;
  • Aumento del tetto massimo del mutuo: nella grandissima maggioranza dei casi, il mutuo non può superare l’80% del valore dell’immobile ipotecato. Grazie alle agevolazioni sarà possibile ottenere fino al 90 o 95 per cento.
  • Fondi di garanzia: i fondi di garanzia sono dei fondi che lo stato mette a disposizione così che l’utente con difficoltà economiche possa offrire garanzie maggiori alla banca.

Specifichiamo qualche dettaglio sulle tre tipologie di mutui che vi abbiamo appena presentato: 

I tassi di interesse più bassi sono, probabilmente, l’agevolazione più richiesta dagli utenti perché implica un risparmio decisamente molto importante. Ciò non di meno, i mutui con tassi agevolati non sono molti e potrebbe essere molto difficile richiederli, specialmente ora che, per via dell’incertezza sul futuro economico del mondo intero, i tassi degli interessi stanno salendo. 

L’aumento del tetto massimo del mutuo è molto utile quando si possono offrire solide garanzie e si intende sfruttare un grande quantitativo di liquidità per, ad esempio, ristrutturare un immobile. Ovviamente occorre sempre ricordarsi che il denaro richiesto andrà restituito.

Il fondo di garanzia, come abbiamo detto, è un fondo da cui lo stato “preleva” del denaro da usare come garanzia per le banche. I giovani utenti, spesso, potrebbero avere poca credibilità presso le banche per via di lavori precari o simili: il fondo di garanzia è come una sottoscrizione dello stato che dà fiducia all’utente, così da rendere possibile la stipulazione di un contratto. Attenzione: lo stato non offre del denaro gratuito, anzi, nel caso di insolvenza la banca recupererà i crediti usando il fondo di garanzia, e lo stato farà lo stesso ma recuperando il denaro dall’utente. 

Ricordate sempre che nel mondo dei mutui non si fanno regali: l’utente deve sempre restituire il denaro che chiede, le agevolazioni fanno soltanto in modo che le condizioni di restituzione siano leggermente più favorevoli.

Vantaggi dei mutui per giovani.

Le agevolazioni non sono l’unico aspetto interessante dei mutui agevolati per giovani, anzi, esistono anche altri vantaggi che vengono definiti fiscali. In questa sezione della guida vi spiegheremo quali sono i vantaggi fiscali dei mutui agevolati per giovani coppie. 

I vantaggi di cui vi stiamo per parlare sono dovuti alle recenti modifiche attuate dal governo in successione agli scompensi portati dal covid 19: il decreto sostegni bis del 24 luglio 2021, aggiornato dalla legge di bilancio 2022, ha previsto importanti vantaggi fiscali per gli under 36 che stipulano un mutuo. In particolare, annoveriamo:

  • taglio dell’imposta ipotecario (50 euro per l’acquisto da privato, 200 euro per l’acquisto da impresa);
  • taglio dell’imposta di registro (2% del valore catastale);
  • taglio dell’imposta sostitutiva del mutuo (0,25%);
  • taglio dell’imposta catastale (50 euro per l’acquisto da privato, 200 euro per l’acquisto da impresa);
  • credito d’imposta di pari importo sull’iva (4% sulla prima casa) con un meccanismo di compensazione sulle somme dovute a titolo di Irpef in dichiarazione dei redditi. 

fonte: mutuionline.it

Sarà, inoltre, possibile detrarre secondo le normali agevolazioni riservate ai mutui per la prima casa l’importo degli interessi passivi e degli oneri relativi al mutuo. Il detraibile è pari al 19% dell’importo sostenuto e fino a 4000 euro annuali.

Mutui per giovani coppie: che cosa cambia?

Fino a questo momento abbiamo parlato di mutui stipulabili dal singolo utente: prodotti che si riferiscono ad un solo giovane con età inferiore a 36 anni. Le caratteristiche che abbiamo discusso ed analizzato fino a questo punto sono comuni sia ai prodotti destinati ad una persona, sia a quelli destinati ad una coppia. In questa sezione della guida vedremo le differenze e i limiti che il mutuo per giovani coppie presenta se messo a confronto con quello per coppie.

I requisiti del mutuo per singolo utente devono essere rispettati da entrambi i membri della coppia: questo è abbastanza ovvio ma cerchiamo di essere più specifici. Ad esempio, uno dei requisiti spesso inseriti nella lista da rispettare per richiedere un mutuo agevolato, è quello di non possedere un’altra prima casa. Nel caso in cui la coppia voglia richiedere un mutuo di questo tipo, nessuno dei due partner deve possedere un’altra prima casa.
L’eccezione a quello che vi abbiamo appena spiegato è rappresentata dalle garanzie che vengono “sommate”: la banca, infatti, si aspetta che gli utenti della coppia collaborino nel saldo del mutuo e, di conseguenza, le garanzie offerte da entrambi i firmatari sono ben accette.

I membri della coppia sono ritenuti responsabili del pagamento in modo equo, questo vuol dire che la banca non farà alcuna distinzione nella riscossione dei crediti o nell’imposta di more e simili. 

Altra differenza sostanziale tra il prodotto dedicato al singolo utente e quello dedicato alla coppia è da ricercare nel massimale offerto dalla banca. Sempre grazie al fatto che sono due le persone che si impegnano a saldare il debito, la banca sarà disposta ad offrire somme leggermente maggiori, dando più fiducia alla coppia di utenti rispetto al singolo utente.

Riassumendo: le differenze tra i mutui per singoli utenti e quelli per coppie non sono molte e sono tutte derivanti dal fatto che siano 2 le persone a farsi carico del saldo.

Fondo di garanzia e mutuo per la prima casa: un’utile opzione!

Dato che il fondo di garanzia è un’iniziativa che può essere richiesta sia dai singoli utenti che dalle coppie, cerchiamo di approfondire quest’utile opzione che può rendere molto più semplice la richiesta di un mutuo per la prima casa. 

Il fondo di garanzia, come abbiamo già spiegato, è un fondo al quale si può richiedere di sostenere la nostra richiesta, come una sorta di garanzia extra. Per una definizione più formale: il fondo di garanzia può essere utilizzato durante la richiesta di mutui agevolati per la prima casa e facilita l’accesso al credito a coloro che rientrano nei parametri richiesti.

Il fondo di garanzia non può essere richiesto per l’acquisto di abitazioni di lusso (ville, castelli, abitazioni di tipo signorile e palazzi di eminenti pregi artistici e storici) e può essere utilizzato soltanto per mutui il cui valore non superi i 250000 euro. Ovviamente le giovani coppie e i giovani con età entro 36 anni, con un Isee inferiore ai 40.000 euro, possono avere accesso a questa agevolazione.

Tempi di ammortamento, contratti e altre caratteristiche.

L’ultima sezione della nostra guida di oggi, la dedichiamo agli aspetti del mutuo agevolato per giovani coppie che non variano molto dal resto dei prodotti presenti nel mondo dei mutui. 

I tempi di ammortamento di un mutuo agevolato per giovani coppie sono molto simili a quelli dei mutui “normali”: si parla comunque di diverse decine di anni, solitamente 20 o 30 anni, se si saldano tutte le rate con puntualità e senza rimandare alcun pagamento. 

Il contratto del mutuo agevolato per giovani coppie deve essere firmato da entrambi gli utenti: ovviamente esisteranno un primo firmatario e un secondo firmatario ma le responsabilità saranno spartite egualmente. 

L’iter burocratico di accettazione della richiesta, stipulazione del contratto ed erogazione del denaro è pressoché identico a quello di qualsiasi altro mutuo. Unica differenza è che tutti i “controlli” che la banca esegue sui documenti devono essere ripetuti per due utenti e quindi potrebbero richiedere più tempo.

Raramente i contratti agevolati possono essere richiesti e stipulati online, in quanto si tratta di prodotti destinati ad una piccola fetta di popolazione e la banca deve controllare minuziosamente che entrambi gli utenti rientrino nei requisiti per l’accesso. Ciò non di meno esistono alcuni servizi che permettono di trovare le banche che offrono prodotti agevolati, con tanto “listino prezzi” di tassi di interesse nominali e annui globali, spese extra e spese per i servizi. Questi servizi gratuiti, disponibili online, permettono di risparmiare molto tempo durante la fase di ricerca del prodotto adatto alle proprie esigenze, consigliamo di sfruttarli, facendo sempre molta attenzione a dove e quali dati personali si inseriscono. 

Ed eccoci giunti alla conclusione della nostra guida con tutto quello che c’è da sapere sui mutui agevolati per giovani coppie, speriamo che il nostro approfondimento possa essere stato utile per capire come e quando questi mutui vengono concessi e stipulati. Se per caso dovessero esservi rimasti dei dubbi su qualsiasi aspetto del mondo dei mutui, non esitate a fare un salto sul nostro blog, dove troverete moltissime informazioni, approfondimenti e guide sul mondo dei prestiti finalizzati di grandi dimensioni. Vi ringraziamo per l’attenzione e per il tempo che ci avete dedicato: alla prossima guida, sempre qui sul nostro blog.

Leggi Anche

Mutuo A Tasso Misto

Nei nostri recenti post qui sul blog, abbiamo avuto modo di parlarvi delle varie tipologie di tasso che un mutuo può avere: fisso e variabile.

Leggi Tutto »

Mutuo Prodotto Rata Fissa

Come abbiamo avuto modo di spiegarvi nelle nostre passate guide: il mutuo a tasso variabile è una delle soluzioni che possono permettere al debitore di

Leggi Tutto »